​ItaSuolo​: gli istituti tecnici agrari conservano il suolo e si preparano al futuro

Sabato 26 Maggio a Matera si presenterà ItaSuolo​, il convegno di presentazione del percorso didattico dedicato agli istituti agrari, finalizzato a trasferire agli studenti conoscenze e competenze sulla semina senza aratura – semina diretta – per la tutela di biodiversità e fertilità dei suoli.
Il rischio desertificazione minaccia l’Italia, ma può essere combattuto sui banchi di scuola. Con questa convinzione nasce a Matera il primo progetto interattivo dedicato agli studenti di agraria, finalizzato a trasferire conoscenze e competenze nel campo della semina senza aratura e della tutela di biodiversità e fertilità del suolo attraverso un percorso didattico indoor e on field ​che prevede anche approfondimenti sulla gestione aziendale sostenibile e sulla filiera.

Un progetto innovativo e di rilevanza nazionale, che sarà presentato a Matera Sabato 26 Maggio all’Istituto Tecnico Agrario G. Briganti, che ha inoltre permesso all’istituto di accedere alla Rete Scuole UNESCO.
A fronte di una convenzione fra l’Istituto Tecnico Agrario G. Briganti di Matera e Semina Diretta 2.0, la prima no profit italiana dedicata alla tutela e alla salvaguardia della fertilità del suolo agrario​, è nato itaSuolo​, percorso didattico articolato fra sessioni in aula, attività in campo e visite alle strutture commerciali e di trasformazione legate alla filiera del grano attive sul territorio.

“Con questo progetto in collaborazione con Semina Diretta 2.0 no profit – illustra il Preside Gianluigi Maraglino ​- l’Istituto Tecnico Agrario G. Briganti di Matera promuove e sostiene le attività tecnico-professionali, al fine di dare agli studenti conoscenze e competenze adeguate. Oggi abbiamo gli strumenti per fare agricoltura di qualità rispettando il suolo in una logica di valorizzazione delle risorse naturali e delle produzioni del territorio e la scuola vuole essere parte attiva di un progetto che educhi al rispetto dell’ambiente formando cittadini attivi e responsabili​”.

Il percorso didattico, tenuto dal Dottor Lino Falcone, Presidente di Semina Diretta 2.0 no profit​, si è svolto nel corso dell’anno scolastico 2017/18 e ha coinvolto gli studenti delle classi dalla 3° alla 5°, che si sono alternate sulle attività relative ad ambiente, agronomia ed economia.
Fra i temi affrontati, l’ottimizzazione delle produzioni, la filiera, gli impatti ambientali, la sostenibilità aziendale ed altre tematiche utili a comprendere come affrontare la semina dei cereali salvaguardando la fertilità e la biodiversità del suolo.

“Abbiamo focalizzato il nostro impegno sugli studenti e sulle attività didattiche perché riteniamo che la corretta informazione, fornita sui banchi di scuola, rappresenti il modo più efficace per sensibilizzare i futuri imprenditori agricoli su fertilità e biodiversità del suolo, preservando in questo modo interi territori dal rischio desertificazione” ​spiega così Lino Falcone l’attenzione rivolta alle scuole, ed il motivo per cui è indispensabile formare gli agricoltori di domani affinché possano conoscere i corretti strumenti di salvaguardia del terreno.

Dopo i saluti istituzionali dell’Assessore alle Politiche agricole e forestali della Regione Basilicata Luca Braia​, e ​del Preside dell’Istituto Tecnico Agrario G. Briganti​, Gianluigi Maraglino, ​l’intervento di Lino Falcone, Presidente di Semina Diretta 2.0 no profit ​aprirà i lavori presentando il progetto. Nel corso dell’incontro, gli studenti presenteranno le tesine svolte nel corso dell’anno e avranno un momento di confronto professionale con le aziende che hanno partecipato al progetto​.
Il contributo del Network dei Direct Seeders​, sulla semina diretta del grano duro nelle Murge, e la visita ai campi dell’Azienda G. Briganti, chiuderà l’inedita giornata lucana.

SCARICA IL PROGRAMMA

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

Post a Comment

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Linkedin